luisellabolla.it - Diario di una telescrivente

Il sito di Luisella Bolla (versione per la stampa)

Archivio >  Periscopio > Sempre uniti

 

locandina film

Sempre uniti

di Rosita Bonanno

in due puntate (di 50’), 4 e 11 gennaio 2007, RaiTre, h. 23,40

“Il matrimonio di Teresa, una ragazza di vent’anni, è una grande festa per amici e parenti, ma porta alla luce la tragica storia d’amore di Santina e Salvatore, genitori di Teresa. Benché Salvatore si sia rivelato un uomo difficile e la sua vita sia stata spesa fra il carcere e una dissennata vita notturna, l'amore e la dedizione di Santina al marito e alla famiglia ricordano la Loren e la Magnani, le mitiche madri coraggio del migliore cinema neorealista italiano. Quando Salvatore realizza di volere indirizzare i figli verso un avvenire diverso dal suo, forse è troppo tardi”.

Questa la trama del film-documentario scritto e diretto da Rosita Bonanno. Dice la regista: "Lo sguardo su vicende crude e drammatiche è privo di qualunque giudizio, quando ho iniziato a scrivere questo progetto c’era soltanto un gran desiderio di raccontare una storia molto avvincente che forse può aiutare a capire qualcosa di più sull’origine di certi fenomeni sociali".

Anche questo film-documentario nasce dall’insolita combinazione di editoria e produzione audiovisiva che è la minimum fax media, casa di produzione televisiva e cinematografica nata dall’incontro nel 1993 fra la produttrice Rosita Bonanno e gli editori di minimum fax Daniele di Gennaro e Marco Cassini.

In questi quattro anni produttrice ed editori hanno lavorato insieme sul tema della trasversalità tra letteratura e cinema,  progettando e realizzando una serie di “pezzi unici” destinati alla televisione. Un nuovo genere di audiovisivo che, dei tanti aspetti della letteratura, racconta l'immaginario dello scrittore, il rapporto fra letteratura e realtà e i percorsi esistenziali degli scrittori. E, della società contemporanea, raccoglie i “granelli che fanno inceppare il sistema e perciò lo raccontano senza pretesa di verità o giudizio ma con la maggiore onestà possibile nel tempo e nel luogo del racconto”.

 

Per saperne di più, www.minimumfax.com

(24 dicembre 2006)